Selezione lingua

Italian (IT)

Ultimi arrivi

4568/30 island of Korcula, 30 m from the beach. The house
Dettagli
Prezzo di vendita : 500 .000 €
Sup. commerciale : 220 m²
Sup. verde priv. : 400 m²
Caratteristiche : Piscina, Vista Mare, Parcheggio / garage
Dettagli
4536/30 Korcula island. Detach house
Dettagli
Prezzo di vendita : 1 .000 .000 €
Sup. commerciale : 400 m²
Sup. verde priv. : 1000 m²
Caratteristiche : Prima fila al mare, Vista Mare, Parcheggio / garage
Dettagli
2018/23 island of Korcula, apartment house
Dettagli
Prezzo di vendita : 550 .000 €
Sup. commerciale : 400 m²
Sup. verde priv. : 600 m²
Caratteristiche : Vista Mare, Parcheggio / garage
Dettagli
2014/40 near Dubrovnik. apartments
Dettagli
Prezzo di vendita : 142 .000 €
Sup. commerciale : 47 m²

Caratteristiche : Parcheggio / garage
Dettagli
2016/32 island of Vis. Building land
Dettagli
Prezzo di vendita : 350 .000 €

Sup. verde priv. : 2755 m²
Caratteristiche : Vista Mare
Dettagli

Storia Del Isola di Korcula: Marco Polo e Korcula dal dr. Zivan Filippi

 

Il 13 ° secolo è stato il momento in cui l'Europa vive in costante conflitto tra la sua città-stato, che erano ancora preoccupati con le Crociate. E 'stato un tempo in cui gli eserciti numerosi stavano attraversando il suolo europeo, distruggendo le città straniere e uccidere i loro abitanti. Questo fu un periodo di cattive condizioni di vita, quando il cibo e l'abbigliamento sono mancati, e quando gli abitanti europei non so molto di materie prime e competenze agricole. Non erano a conoscenza di carbone, petrolio, carta, polvere da sparo, bussole, caffè, patate, mais, pomodori, tabacco ... tutte le cose senza le quali la vita dell'uomo contemporaneo sembra inconcepibile.

Ma mentre l'instabilità politica e povertà economica sono state limitando la vita della media europea, riducendola a pura sopravvivenza, la stabilità della Chiesa cattolica romana - a dispetto di tutte le lotte dinastiche e rigidità dottrinarie, spesso con conseguenze pericolose - al tempo stesso aperto per lui prospettive spirituali, dando speranza e fissa la base strutturale per lo sviluppo culturale. Questa è stata la volta del palazzo più splendido gotico, come ad esempio la cattedrale di Chartres, iniziata nel 1294, di Reims nel 1210, di Salisbury, eretta nel 1220. Uno degli eventi più significativi politica è stata la proclamazione di Rudolf per il Sacro Romano Imperatore, che è riuscito a diffondere l'influenza degli Asburgo di Austria, gettando così le fondamenta dello Stato che, per i successivi cinque secoli, rappresenta il baluardo delle europee cultura.

In questo gioco - del materiale e lo spirituale, di violenza e di riconciliazione, un misto di consapevolezza e sogno - una posizione unica doveva essere detenuto da quella piccola città-stato italiane, chiamato Venezia. Costruito su un arcipelago dell'isola, vicino alla terraferma, sembrava una visione incantata che emergenti come Afrodite dal mare Adriatico. Ma Venezia non è stata un'apparizione. Costruito in pietra nel magnifico stile del Medioevo sottolineato con elementi bizantini e collegati da una rete di canali e ponti, si manifesta la potenza di una forza commerciale e marittimo, diffondendo la sua influenza su tutta la superficie acquatica Adriatico e verso il Mediterraneo per quanto si Costantinopoli, che cadde nelle sue mani nel 1202.

La città e l'isola di Korcula è stato protetto, e in effetti ci sono stati molti che hanno combattuto per essa in quel momento a causa della sua posizione strategica sulle rotte del commercio marittimo e anche a causa della sua configurazione geografica che la rende ideale per il rifugio di navi da guerra e mercantili galere. Per queste ragioni Korcula era improbabile per sfuggire al braccio potente di Venezia. La popolazione croata dell 'isola e la città di Korcula cercato di resistere alle intenzioni della Repubblica di Venezia. Al fine di ostacolare i piani veneziano e proteggere le loro comunità dell'isola, il Korculans adottato il loro statuto comunale nel 1214. Che lo statuto, il più antico documento legale in questa parte d'Europa, codificata tutta la vita della città e l'isola e, in molti dei suoi decreti, un esempio di proporzioni europee. Numerosi decreti in materia di diritto marittimo, l'abolizione della schiavitù, la protezione del testimone ambiente, ecc ad un alto livello politico e culturale in Korcula in quel momento, anche se era da vivere come erano le città dalmate altri nel 13 ° secolo e, nel pericolo per gli appetiti avidi delle potenti forze intorno ad esso. Lo statuto Korcula Korcula protetto dal regno autoritario di Venezia, ma allo stesso tempo ha offerto Korcula protezione veneziano da altri aggressori possibile in quanto si voleva continuare la sua prosperità relativa, soprattutto nella costruzione navale, taglio della pietra e la spedizione. Il cittadino di Korcula, anche se sotto il giogo e la protezione di Venezia potrebbe guardia i suoi diritti ei suoi stili di vita dal mondo esterno a causa del legale codice, ma ha voluto guardare oltre i confini ei limiti della metafisica occidentale e lui cominciò ad una più ampia le sue aspirazioni ad accogliere il mondo esterno, per la realizzazione del suo sogno riguardo un futuro migliore. Le sue navi a vela avventurato alla ricerca dell'ignoto e, a causa della loro violenza maschile solchi arati del Mediterraneo, mentre lo stesso cittadino è rimasto nel grembo materno sicuro del suo nucleo urbano e il suo campo contadina. Mare solco, solco campo, e un solco come la linea della sua scrittura, saldati nello statuto Korcula, il farro per il cittadino Korcula la possibilità di una meravigliosa gioia dell'esistenza.

Tra i rischi complessivi della insicurezza europea, Korcula, sia con la forza o volontariamente, accetta il duca precedente di Dubrovnik, Marsilie Zorzi, nobile veneziano, come il suo duca nel 1254. Nello stesso anno Marco Polo è nato.



Marco_polo_birthhouseLa famiglia Polo è molto rispettato a Korcula; overr secoli vivono nella città di Korcula. Ha prodotto nel corso degli anni numerosi cantieri, fabbri, scalpellini, commercianti, preti, e notai. Padre di Marko Nikola e Mate zio fondò la loro avamposto commerciale a Korcula, ei membri della famiglia Polo erano guardiani delle mura intorno alla città di Korcula. Ma, per il sapiente commercianti Nikola e Mate, Korcula è stato solo il punto di partenza dei loro scambi commerciali e la loro vita avventurosa. Marko padre e lo zio penetrato profondamente in Asia. Hanno costruito una torre e ha fondato il loro avamposto di trading nella città di Sudac sulla Crimea. Hanno avuto il loro principale centro commerciale a Costantinopoli, alla quale molti uomini d'affari Korcula e costruttori navali erano in viaggio e per qualche tempo vivevano lì. Mate e Nikola Polo scambiato con successo con i persiani. Erano consapevoli, con le segrete vie che hanno condotto attraverso la Siria e Iraq per quanto riguarda le coste del Golfo Persico. Sapevano anche le aree in cui le ostriche perla preziosa è stata trovata. Ovunque si avventurarono furono accolti come persone che erano "animo nobile, saggia e ragionevole". Sapevano i percorsi che hanno portato alla commercianti di pellicce della Siberia meridionale. Avevano contatti commerciali con i dignitari di popoli diversi tartaro, e giunsero alla corte del Gran Khan Kublai in Cina. Avevano iniziato il loro viaggio prima di Marco Polo è nato. I commercianti Korcula successo sensazione di sicurezza nella loro secolare terra natale di Korcula, lasciato la loro famiglia e non ancora nato figlio Marko, che guardavano verso l'Estremo Oriente alla ricerca lì per la realizzazione del loro sogno di vita ricchi. Le loro idee di fondere le strutture culturali dell'Occidente e dell'Oriente hanno decretato il destino del figlio di Nicola, Marco Polo, dal giorno della sua nascita.

Marko la preparazione scolastica normale di un giovane nobile della sua età. Ha imparato molto su scrittori classici, ha capito il testo della Bibbia e conosceva la teologia di base della Chiesa Cattolica Romana. Parlava francese e italiano, soprattutto il vocabolario commerciale, ed è stato abile nel mantenere libri di business. I libri Chiesa e canzoni in croato Marko da tempo sono state conservate in Korcula, ed è molto probabile che Marko conosceva la lingua croata come parlato dagli abitanti di Korcula. Questa conoscenza è stato quello di aiutarlo molto quando si recò con il padre e lo zio in tutto il Sud della Russia, allora abitata da tribù slave e sotto il regno di tartaro. Le lingue europee che Marko appreso in gioventù dovevano essere la base per lo sviluppo del suo talento poliglotta quando è venuto in contatto, in Estremo Oriente, con il cinese, anche questo, ha imparato con successo.

Korcula primo era un vescovo nel 1300, che ha contribuito molto alla scrittura e alla manutenzione degli archivi, sia Chiesa e laica, e alcune note famiglie conservato propri archivi. Così, la tradizione Korcula sempre ricca trasmesso di bocca in bocca, ha ricevuto anche il supporto scritto per la conservazione della memoria collettiva comune, dando così vita a uomini capaci pronto per le avventure del corpo e dello spirito in mondi lontani.

Il più antico documento scritto in cui viene menzionata la famiglia Polo è un atto di donazione del 14 marzo 1400. Il duca allora di Korcula, Mihajlo Musi e tre giudici Korcula donato ad un certo Joannis un edificio nel quartiere della città sul lato orientale, vicino alla casa di Bogavaz Dupolo. E 'la posizione esatta del presente "torre di Marko Polo", da cui si può vedere chiaramente tutti i canali di Peljesac, la via di navi mercantili di epoca ellenica ai giorni nostri.

Un documento un po 'più vecchio, dal 1430, parla della vita e l'opera di membri della famiglia Polo a Korcula nel 13 ° secolo, per lo più con la secolare tradizione della costruzione di barche in legno in stile Korcula, noto in tutto il Mediterraneo. Tale documento si trova negli archivi privati ​​della famiglia Kapor a Korcula. In questo, Mate Polo si applica alla comunità di Korcula per un pezzo di terra per la sua nave-cortile, vicino al luogo dove i suoi nonni stavano costruendo barche. Tale documento è la prova concreta che il Polo vivevano in Korcula e costruzione delle barche ancor prima che Marco Polo era vivo. Cantieri navali di Korcula si trovavano entrambi sulla sponda orientale e occidentale adiacente al borgo medioevale fortificato. In questo modo, i costruttori, lavorando nei pressi delle mura della città, e di vivere al loro interno, sono stati in grado di difendere la loro città in caso di attacco nemico. Nell'elenco menzionare costruttori di navi nel 1594, ci sono 16 navi Wrights dalla famiglia Polo, e nella lista 1810, 22. Da una causa legale del 1778, apprendiamo che il nome del proprietario di un cantiere alla periferia orientale fu Marko Depolo. Come la capacità di costruzione navale, così come la proprietà dei cantieri navali, sono stati tramandati di generazione in generazione, di padre in figlio, diverse famiglie sono state per secoli con le trame stesse per le esigenze dei loro laboratori. E 'evidente dalle mappe catastali del secolo scorso, e dalle foto esposte nel Museo della Città che Michele Depolo, figlio di Nicola, (1864-1943) era il proprietario di uno dei cantieri più grandi sul lato est ("Borak "), e che Lovro Depolo (1853-1943) era il proprietario del più grande cantiere navale di tutti sul lato occidentale della città di Korcula (" Sv.. Nikola ").

Il Korculans non erano solo eccezionali costruttori di navi, ma anche marinai esperti. Hanno brillato anche come guerrieri buono in molte battaglie navali, tra i quali, membri della famiglia Depolo. Materiali d'archivio e memoriali confermare che il duca di Korcula, Andrea Zane, nel 1584, ha affidato, tra gli altri, Jerolim, Pavle e Nikola Polo, di trovare equipaggi per la partecipazione della città di Korcula, in una delle battaglie navali.

Materiali d'archivio riguardanti Korcula rivela anche la ricca vita religiosa del popolo Korcul specialmente notevole nelle attività di fondazione e regolare delle confraternite. Questi ha offerto, ai vari gruppi appartenenti a mestieri specifici, un rifugio spirituale e luogo di relax dal lavoro quotidiano duro. Come altri, il Polo ha vissuto una vita intensa religiosa. Vescovo di Vinzenza, Michele Priuli rilasciata una carta il 28 gennaio 1603, per la fondazione della confraternita di San Michele (Sveti Mihovil). Tra i fondatori, sono stati elencati i nomi di Pavle, Marko, Jakov, figli di Dominik De-Polo e Vicko e Ivan, figli di Nikola De-Polo. Il nome del procuratore francescano (rappresentante), Marko de Polo, è stata iscritta la mela della croce d'argento portando appartenenti al monastero francescano fondato sull'isola di Badija, vicino a Korcula. La croce è opera dell'orafo Sibenik, Dobrosevic, il cui nome è stato scritto su di esso. La pittura di alterare Sant'Anna nella chiesa di Tutti i Santi, risalente agli inizi del 17 ° secolo, rivela nel testo alla sua base che il dipinto è stato il dono di Vinzentie de Polo, presbitero de Marko Polo, e altri.

Se camminiamo attraverso il cimitero di Korcula possiamo vedere numerose tombe della famiglia Depolo, risalente alla fondazione del cimitero fino ai giorni nostri. Eccezionale per la sua bellezza è la tomba di famiglia di Nicola e Rosa Depolo dal 1891.

Il cognome deriva dal Polo Pavao nome. Era la prima volta nella sua forma Paulovic croato (Pavlovic), poi nella forma latina De Paulis, veneziano Di Polo, e poi è rimasto solo Depolo. Il più antico sistema di identificazione menzionati medievale era il primo nome e, accanto, le aggiunte, che specifica la persona particolare, che lo differenzia dagli altri dello stesso nome. Il cognome è apparso solo quando una delle aggiunte al nome divenne ereditario. La conferma di questa regola, e che nel caso in cui il cognome Polo deriva dal nome Paulus (Pavao), si trova nel seguente esempio. Il notaio, Jakov Giricic, ha redatto un testamento per la nave-builder Paulus (Pavao) a Korcula il 1 ° febbraio 1565. Il suo cognome non è detto, solo il suo nome di battesimo. L'originale, che è ora conservato nel Museo Storico di Dubrovnik. E 'evidente da altri documenti scritti a decorrere da tale volontà (contratti, testamenti e registri) che i figli del testatore ora portare il cognome permanente, De Paulis. Il nipote della volontà-maker, Nikola, porta il cognome Di Paolo, e il pronipoti, Ivan e Vicko, che troviamo tra i fondatori della confraternita di San Michele, portare il cognome De Polo.

Un uso frequente del cognome nella sua forma croata Paulovic (Pavlovic) è evidente da un esame dei registri tra i secoli 16 ° e 18 °. E 'l'ultima volta citata per la 2 feb 1747, quando Margherita, figlia di Ivan Paulovich e Vica Foretich, è nato. La forma della Depolo cognome divenne comune con la nascita di Michele, figlio di Marko e Palma, il 18 giugno 1771. Da quel momento è stato elencato in questa forma. C'è un caso interessante di Marko fratelli e Andrija, di cui ciascuno usa un'altra forma del cognome. Il contratto stipulato nel 1525, tra il costruttore di Korcula, Marko Pavlovic e la città di Korcula capitolo casa, afferma che Marko obbligato se stesso per completare la costruzione della navata nord della cattedrale di Korcula. Tuttavia, morì durante la costruzione nel 1532, e suo fratello, il sacerdote Andrija, con il cognome De Paulis è stato proclamato il tutore dei suoi figli.

712 persone con il cognome Polo-Depolo sono nati nel periodo tra il 1583 e il 1946. Domenego di Polo, padrino al battesimo di Ismaelis Vinzenza il 26 giugno 1583, appare sulla prima pagina del primo registro delle nascite a Korcula. L'indagine più impressionante l'espansione del cognome Polo Depolo-l 'elenco dei priori ("Gastaldi") della confraternita di San Rocco, fondata il 16 agosto 1575. Una revisione degli archivi della città dalmata-comunità rivela che i membri della famiglia Polo, dopo Depolo, ha vissuto sempre nella città di Korcula per secoli.

Per quanto riguarda la letteratura professionale italiana, l'opinione più frequente è che la famiglia Polo proviene dalla Dalmazia. Tale affermazione è evidenziato nella cronaca manoscritto sulla storia di Venezia che copre la storia di Venezia dal suo inizio alla 1446, e anche nel libro Le vite dei dogi (Le vite dei Duchi), pubblicato a Venezia nel 1522. La stessa tesi è esposta nella letteratura italiana in seguito, come ad esempio nella Biografia universale antica e moderna dal 1882 e Storia di Venezia dal 1848.

Oggi, ci sono Depolos vivono al di fuori Korcula - a Dubrovnik, Spalato, Rijeka, Zagabria, Atene, Ismir, Nuova Zelanda, USA, Cile e Argentina. Tutti loro provengono da Korcula, e hanno legami familiari con i loro parenti Korcula.

Tutti i fatti citati portano alla conclusione che Korcula è la città della famiglia Polo - Paulovic (Pavlovic) - De Polo - Di Polo - Depolo g continuamente nel periodo dal 13 ° secolo, e secondo la tradizione orale, anche molto prima, fino a quando ai giorni nostri. Allo stesso tempo, Korcula è la città da cui molti membri di questa famiglia sono andati in altre città e in altri paesi. Alcuni di loro ritorno e alcuni di loro trascorrono tutta la loro vita nel nuovo ambiente. Se i suddetti documenti scritti, specialmente quelli stampati a Venezia, dice esplicitamente che la famiglia di Marco Polo deriva dalla Dalmazia, tutte le fonti storiche disponibili confermano che Korcula è, senza dubbio, la città di origine della famiglia denominata POLO - Depolo.

La secolare tradizione orale - tramandata di bocca in bocca nelle canzoni, proverbi, storie, leggende - collega Marko Polo e Korcula, nello sviluppo della scrittura, l'organizzazione di autorità, educazione e cultura. Questo posto cede gradualmente alle prove scritte sotto forma di archivi, manoscritti, contratti, atto di doni, registro delle nascite, morti e matrimoni, e, in tempi recenti, sotto forma di opere letterarie. Così la leggenda di Marco Polo si espande sempre più, e sempre più viene rilevata da media visivi e scritti: programmi televisivi, esperto e periodici popolari, recensioni turistiche e libri di tutto il mondo. Marko Polo Korcula e diventano un binomio inscindibile strutturale in cui ogni polo arricchisce e nobilita l'altro.

Marko Polo e Korcula dal dr. Zivan Filippi Korcula e la famiglia Polo.

 

Ricerca rapida



Meteo locale

Prima fila al mare

Casa sulla scogliera prima fila al mare - isola di Korcula
Dettagli
Prezzo di vendita : 1 .200 .000 €
Sup. commerciale : 300 m²
Sup. verde priv. : 400 m²
Caratteristiche : Terrazza, Prima fila al mare, Vista Mare
Dettagli
Casa - Isola di Korcula
Dettagli
Prezzo di vendita : 320 .000 €
Sup. commerciale : 196 m²
Sup. verde priv. : 1000 m²
Caratteristiche : Terrazza, Prima fila al mare, Vista Mare, Infrastruttura
Dettagli
Casa - Islanda di Korcula
Dettagli
Prezzo di vendita : 600 .000 €
Sup. commerciale : 278 m²
Sup. verde priv. : 554 m²
Caratteristiche : Prima fila al mare, Vista Mare, Infrastruttura, Parcheggio / garage
Dettagli
Casa - isola di Korcula
Dettagli
Prezzo di vendita : 247 .000 €
Sup. commerciale : 80 m²

Caratteristiche : Terrazza, Prima fila al mare, Vista Mare, Infrastruttura, Barbecue
Dettagli
Casa con terreno - isola di Korcula
Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. commerciale : 125 m²
Sup. verde priv. : 15000 m²
Caratteristiche : Prima fila al mare, Vista Mare
Dettagli